Consigli

Brand radio: che cos’è e a quali logiche strategiche deve rispondere

today13 Maggio 2021 1

Sfondo
share close

Fare brand radio è la verticalizzazione concettuale secondo cui un’emittente è prima di tutto un’azienda. E tale costrutto logico lo riscontriamo proprio nel fatto che numerose aziende extra-radiofoniche si stanno dotando del mezzo per veicolare ancora di più la propria realtà. Possiamo quindi parlare di vere e proprie emittenti simili alle radio pure? Sì e no, e in questo articolo cercheremo di capirne di più.

Che cos’è una brand radio?

Stiamo parlando di aziende totalmente esterne alla radiofonia che si dotano del mezzo per aggiungere una freccia al proprio arco nella strategia di brand marketing: cioè, fare in modo che il proprio marchio possa raggiungere più persone possibili, in vari modi pensabili.

Ultimamente sono molte le realtà che usano la radio proprio con questo obiettivo, anche perché è un mezzo che risponde in primis al concetto del multitasking, in grado di arrivare a tutti in qualsiasi momento, con la capacità di creare una community.

Oltretutto, la radio è un mezzo che si integra in maniera perfetta alle evoluzioni del tempo: basti pensare allo strapotere attuale di Internet, dove troviamo nuove forme radiofoniche sempre più intriganti (web radio, podcast e Clubhouse, solo per citare qualcosa).

Nel caso spicciolo della brand radio, però, ci sono alcuni aspetti secondari che appartengono più a un contesto ‘aziendale’: stiamo parlando della comunicazione interna (rivolta ai lavoratori della propria company) e di quella esterna (in base alla realtà di riferimento, rivolta a clienti, partner o eventuali nuovi impiegati). Insomma, fare branding ha diverse ramificazioni necessarie da seguire, e un’emittente aziendale sembra poter rispondere a moltissime logiche di questo tipo.

fare brand radio in italia

Esistono strategie adeguate per fare brand radio?

Come sempre, partiamo da una frase fatta: non esiste una logica univoca per ogni emittente, di qualsiasi natura. Anche in questo caso, dunque, bisogna tenere in considerazione diverse caratteristiche.

Prendiamo come esempio FSNews Radio, l’emittente delle ferrovie italiane composta da un palinsesto articolato, con aggiornamenti sul traffico ferroviario, giornali radio, programmi con interviste e approfondimenti, un app dedicata e via discorrendo. Cosa sta a significare tutto ciò? Che sì, realizzare una brand radio è possibile, ma come ogni mezzo di comunicazione deve tener conto di svariati dettagli, come il target di riferimento, il budget disponibile, la dimensione dell’azienda, la forza di lavoro da impiegare e la mission della propria realtà.

Dopo aver capito se ci sono tutte le potenzialità per portare avanti un progetto di brand radio, bisogna fare una distinzione tra comunicazione interna ed esterna. Quella interna, infatti, cambia da azienda ad azienda: se è rivolta a impiegati in ufficio, potrebbe diventare poco funzionale realizzare una radio che possa distrarre da mansioni che richiedono alta concentrazione.

Se invece parliamo di negozi aperti il pubblico, si potrebbe pensare a una comunicazione cross-mediale tra interna ed esterna. Sostanzialmente, tutto si basa sulla capacità di saper gestire e trovare gli spazi adeguati per creare contenuti piacevoli, autorevoli e in grado di intercettare in maniera opportuna il pubblico di riferimento.

Leggi anche: Il brand radiofonico: la promozione di prodotti in base alla mission

Sei in cerca di un consulente per le radio?

La nostra realtà si occupa di consulenza per la radio. Scopri i nostri servizi per le radio di ogni tipologia: penseremo a una strategia su misura per te!

Scritto da: Angelo Andrea Vegliante

Rate it

Articolo precedente

Commenti post (1)

I commenti sono chiusi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%