Consigli

Radio DAB, una tecnologia conveniente per radio FM locali e web?

today7 Giugno 2022

Sfondo
share close

La Radio DAB sarà presto una realtà consolidata in Italia, e i prossimi mesi saranno cruciali per la sua diffusione in tutta il Paese. Dopo le numerose avvisaglie avute negli scorsi anni, la Digital Radio Broadcasting (come anche come Digital Radio o DAB+) porterà un mutamento profondo nel mercato dell’emittenza radiofonica nazionale. E ciò inficia non solo sulle aziende più blasonate, ma riguarda anche realtà FM e web.

Che cos’è la Radio DAB?

Prima di comprendere meglio quanto la Digital Radio potrebbe risultare attrattiva anche per le aziende medio-piccole, partiamo dall’inizio. La Radio DAB è una tecnologia digitale presente in Europa da diverso tempo: basti pensare che le prime sperimentazioni risalgono al 1995, ma in Italia si è giunti a una vera e propria pianificazione solamente nel 2019. Un ritardo complesso da gestire, dovuto probabilmente dal timore di uno switch off dell’FM, che al momento non si è ancora palesato.

Come tutte le tecnologie, anche la DAB ha pregi e difetti: tra i vantaggi abbiamo la qualità dell’audio, le illimitate frequenze, il risparmio energetico, la comparsa di immagini e testi e la possibilità di creare nuovi canali radiofonici; tra gli svantaggi ci sono i prezzi ancora troppo incerti e, in alcuni casi, proibitivi per il consumatore e una copertura ancora poco capillare a livello nazionale.

Leggi anche: Emittenti locali crescono: Radio Vida Network sbarca in dab+

cos'è radio dab

La Radio DAB conviene?

È ancora presto per asserire con estrema certezza che la Digital Radio abbia portato enormi benefici al settore, in Italia siamo ancora agli albori di una tecnologia accolta con forte scetticismo e spaesamento. Nulla da biasimare, ogni cambiamento comporta un salto nel buio, purché sia ben calcolato e non porti la radiofonia italiana a perdere punti rispetto agli altri media.

Al momento però c’è un aspetto molto interessante che la Digital Radio Broadcasting ha comportato: la nascita di consorzi radiofonici uniti proprio da questa tecnologia. Di fatto, nel corso degli ultimi 20 anni circa, sono fiorite vere e proprie aggregazioni di aziende per aiutarsi nella gestione, pianificazione e introduzione di questa nuova fase storica. Tra i consorzi più noti, abbiamo DAB Italia, C.R. DAB, EuroDAB e Rai Way. Da qui, comprendiamo che le realtà più blasonate hanno già mosso i primi passi per sfruttare il nuovo strumento.

Tuttavia, al di là del consorzio, perché le emittenti regionali, locali e digitali dovrebbero far uso del DAB? Prendendo in considerazione le FM, i vantaggi sembrano essere variegati: avere un device in più grazie al quale raggiungere più ascoltatori, con conseguente ampliamento dell’utenza verso zone in cui la tecnologia FM non riuscirebbe mai ad arrivare. Inoltre, i costi – che possono essere suddivisi con i consorziati – sembrano veramente accessibili: in base ai dati diffusi dal CEO di Consulenza Radiofonica, Alfredo Porcaro, per coprire Roma e le province del Lazio servirebbero 400 euro al mese, mentre per Torino e Cuneo tra i 200 e i 400 euro.

Per quanto riguarda la web radio? In questo caso il discorso è piuttosto complesso, in primis perché per un’emittente digitale è difficile entrare in un consorzio. Per questo motivo, il nostro consiglio è di rivolgersi a un legale del settore, che sicuramente potrà aiutare a sbrogliare il bandolo della matassa.

Leggi anche: Scopri i servizi di consulenza per le radio del nostro team

Scritto da: Angelo Andrea Vegliante

Rate it

Articolo precedente

podcast radio

Radio lovers

Il podcast potrebbe sostituire la radio?

La febbre da podcast è sempre più alta. Giorno dopo giorno, il podcasting sta cementificando la propria dimensione anche in Italia. Diversamente da Clubhouse, che probabilmente ha esaurito le sue potenzialità nel grande pubblico, questo nuova modalità di fare comunicazione ha trovato un terreno fertile nel quale svilupparsi, tanto da far nascere una nuova professione: il podcast producer. Tale fenomeno ha investito persino le radio: sono molte infatti le emittenti […]

today7 Giugno 2022

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%