Trend & tecnologie

Radio DAB+, dal 2021 sarà obbligatoria negli smartphone

today17 Febbraio 2020

Sfondo
share close

La Radio DAB+ sarà obbligatoria negli smartphone a partire dal 1° gennaio 2021. Slittata, quindi, di un altro anno l’entrata in vigore della legge stabilita nel dicembre 2017 dal Ministero dello Sviluppo Economico. L’aggiornamento era stato eseguito dall’ultimo decreto “Salva Cantieri” del giugno 2019. Inoltre, come riporta Repubblica.it, il Senato stabilisce che “anche i veicoli commerciali e gli smartphone dovranno permettere la ricezione della radio digitale.”, il cui obbligo di commercializzazione “scatterà soltanto dal 30 dicembre del 2020”.

Tuttavia, c’è anche una nuova regola per le auto ‘normali. “Il 10 per cento di queste vetture potrà anche non avere stereo che prendono la radio digitale se prodotte prima del gennaio 2020 e messe in circolazione entro il dicembre 2020”. Al momento, l’avanzata della Radio DAB+ non riguarda “apparecchiature utilizzate dai radioamatori e prodotti nei quali il ricevitore radio è accessorio”.

Che cos’è la Radio DAB+?

Ne abbiamo parlato tempo fa proprio nel nostro blog. La Radio DAB+ è la Digital Radio Broadcasting, una trasmissione digitale del segnale radiofonico realizzato con lo standard Eureka 147. Tale tecnologia non è una novità, in quanto le prime sperimentazioni risalgono al 1995, precisamente in Norvegia e nel Regno Unito. In Italia se n’è cominciato a parlare attorno al 2016, con il 70% della popolazione italiana raggiunta da un segnale outdoor DAB+. Oggi diversi network e svariate radio utilizzano tale tecnologia, che dovrebbe sostituire un giorno l’FM.

In linea generale, la tecnologia DAB promette diversi vantaggi, tra cui la qualità dell’audio digitale superiore, la multiplazione del segnale, il risparmio energetico e l’assenza di interferenze sul segnale. Di contro, però, le preoccupazioni maggiori riguardano i prezzi non proprio accessibili della tecnologia, il fatto che non sia ancora a copertura nazionale e l’assenza di una legge in materia di switch off. Come andrà a finire? Ai posteri l’ardua sentenza.

Consulenza Radiofonica, la professionalità On Air

Articolo a cura di Angelo Andrea Vegliante

Scritto da: Angelo Andrea Vegliante

Rate it

Articolo precedente

World Radio Day

Trend & tecnologie

Dialogo e tolleranza nel nuovo World Radio Day

Venne la televisione e qualcuno disse che la radio non ce l’avrebbe fatta. Venne internet e qualcun altro - sempre gli stessi - sentenziò la medesima fine. Venne la tecnologia ridotta all’uso dello smartphone e la radio è stata data per morta. Ma la radio è ancora qua, già. Nonostante i cambiamenti che l'avrebbero potuta spedire sotto i cipressi e che invece non hanno fatto altro che migliorarla, confermarla come […]

today13 Febbraio 2020

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%