Consigli

Il conduttore radiofonico ‘obsoleto’ dovrebbe lasciare il microfono ad altri

today5 Ottobre 2021 1

Sfondo
share close

Il conduttore radiofonico moderno dovrebbe essere diverso rispetto a quanto siamo stati abituati ad ascoltare negli ultimi 40 anni. Invece, viaggiando tra le frequenze di diverse emittenti, il ‘parco mezzi’ disponibile sembra ancora molto vetusto. Facendo un parallelo con la politica italiana, sembra ci sia difficoltà da parte di alcuni di abbandonare la poltrona.

Sia chiaro, se un conduttore radiofonico ‘datato’ mostra di saper affrontare il proprio lavoro con un linguaggio attuale e di essere capace di attirare a sé nuove fette di pubblico, è bene tenerlo stretto nelle mura della propria azienda. Tuttavia notiamo che a prevalere è l’incedere quotidiano di un mass medium incapace di evolversi. E un sintomo di questo mancato cambiamento è rintracciabile in chi sta dietro il microfono.

Il conduttore radiofonico “obsoleto” in una radio moderna

La questione è semplice, e ce la spiega il CEO di Consulenza Radiofonica Alfredo Porcaro: i conduttori radiofonici che non sanno innovarsi, non sono in grado di stare al passo coi tempi. La radio è mutevole, non aspetta nessuno. Certo, non possiamo dimenticare i grandi nomi di una volta che hanno fatto la storia e la fortuna di questo mezzo, ma i veri professionisti hanno piedi piantati nel presente e sguardo rivolto al futuro. Oggi invece non sembra così.

Dopo aver ascoltato alcune emittenti, abbiamo riscontrato linguaggi ancora troppo ancorati al passato, profusi da conduttori radiofonici in seria difficoltà di idee. Ci sono casi in cui un conduttore radiofonico, poco prima di lanciare il singolo “Butter” dei BTS, ha usato dell’ironia esagerata nei confronti della band, attraverso luoghi comuni veramente sfiancanti, come asserire che i gruppi musicali del passato erano migliori di quelle attuali. Oltre al fatto che la musica della propria radio non va mai criticata, ma se trattiamo in questo modo gli idoli dei giovanissimi, come possiamo sperare di migliorare i nostri ascolti o di acquisire nuovo pubblico?

Leggi anche: Vivere con la radio: quanto guadagna uno speaker radiofonico?

Ti serve qualcuno che controlli il tuo conduttore radiofonico?

Un direttore artistico dovrebbe vigilare su qualsiasi cosa dica un conduttore radiofonico, ma sappiamo benissimo che lasciare questo lavoro in mano a un’unica persona è impossibile. Per questo ci siamo noi: tra i nostri servizi, Consulenza Radiofonica si adopera anche nel lavoro di air-check. Contattaci per saperne di più.

Scritto da: Angelo Andrea Vegliante

Rate it

Articolo precedente

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%