Consigli

La variabile radiofonica: come adattare la radio alle emergenze

today26 Maggio 2021

Sfondo
share close

La variabile radiofonica: il racconto delle fasi di pandemia è stato possibile anche in radio con un racconto capillare ed equilibrato.

 

I media hanno raccontato la pandemia in tutte le proprie sfaccettature, ma solo la radio è riuscita a carpire in maniera netta, asciutta e capillare le particolarità della situazione: la conformazione del mezzo radiofonico, infatti, aiuta a mettere a fuoco gli aspetti preponderanti di una vicenda.

La pulizia di informazioni e la schiettezza fra interlocutore e speaker hanno consentito un panorama vasto e variabile che consentisse una piena conoscenza degli argomenti medico-sanitari senza scadere in banalità o scivolare fuori contesto.

In piena espansione Covid, la figura del virologo è divenuta centrale tanto da caratterizzare anche i palinsesti radiofonici: ospite fisso ovunque, soltanto che in televisione, spesso, si è rischiato di prestare troppo il fianco all’infotainment trascurando le informazioni.

L’ospite in studio era inserito nel calderone mediatico e rischiava di diventare carne da macello: non a caso, spesso, è stato usato il parallelismo fra virologi e influencer. L’iperbole è dovuto proprio all’ipertrofia mediatica di queste personalità che si sono trovate – gioco forza – al centro dei meccanismi di Share e Auditel. In radio, invece, traspare quasi sempre esclusivamente l’attendibilità dell’ospite proposto: il virologo fa il virologo, senza incappare in deviazioni di sorta o finire fuori tema.

Leggi anche – Perché abbiamo bisogno delle radio locali?

La variabile radiofonica: come raccontare il Coronavirus da consulente per le radio

classifica musicale copertina

La radio, con la sua capacità di sintesi, insieme alla possibilità di argomentare in diverse maniere uno stesso argomento – caratteristica che solo una scaletta cadenzata può offrire –, ha riportato centralità al tema medico senza incappare nella scomoda situazione di parapiglia e confusione che talvolta ha animato il contraddittorio altrove. La scelta mirata delle voci a cui dare spazio ha rivelato quanto la radio riesca a fare una “cernita costruttiva” di argomentazioni senza che queste diventino oggetto di scetticismi o ripercussioni.

Tutta la diatriba legata alle varianti del Coronavirus e ai possibili rischi, on air, è stata gestita con solerzia e professionalità. Proprio per l’indole squisitamente radiofonica di gestire gli spazi ogni blocco era intriso di possibilità e aggiornamenti piuttosto che dibattiti fine a sé stessi.

Nel mare magnum medico-scientifico, la radio si è dimostrata essere un buon collante e veicolo tanto nella fase più critica quanto in quella più gestibile e curabile. La campagna vaccinale seguita passo dopo passo anche sulla radiofrequenza ha permesso a molti di trovare il bandolo di una matassa intricata: radio come bussola nel caos. Concetto a cui abbiamo dovuto – chi più, chi meno – tutti riabituarci.

Consulenza Radiofonica, la professionalità On Air!

Scritto da: Andrea Desideri

Rate it

Articolo precedente

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%