Consigli

Speaker e provini: quanto conta sapersi proporre

today3 Maggio 2021

Sfondo
share close

Lavorare in radio è un obiettivo per molti, per arrivare nei grandi network conta sapersi proporre in un determinato modo.

Capacità e ambizione. Qualità fondamentali per uno speaker radiofonico: un conduttore deve sempre alzare l’asticella dei propri standard se intende migliorarsi. La maturazione artistica passa anche dall’approccio che ciascun presentatore ha con il settore lavorativo che occupa o vorrebbe occupare: la radio FM resta la Serie A per un conduttore, arrivarci significa mettere amore, sacrificio e applicazione in ogni diretta per sperare di essere notato dai grandi network. L’ulteriore step da compiere è sapersi porre in modo adeguato in una grande realtà.

Ciascuna emittente, negli anni, modifica il proprio organico. La redazione cambia a seconda di esigenze e priorità. Il segreto è carpire il momento opportuno per presentarsi a un network: l’importanza di sapersi proporre diventa basilare, specialmente quando i tratti della radiofonia hanno assunto diverse connotazioni. Chi si presenta ad una realtà dovrà, innanzitutto, dimostrare di conoscerla a menadito: mission aziendale, linea editoriale e tratto distintivo dell’emittente dovranno essere introiettate al meglio al punto di intavolare una conversazione adeguata con lo Station Manager, qualora ci fosse l’opportunità di un colloquio conoscitivo.

L’importanza del provino nelle produzioni radio

speaker radiofonico

Sul piano concettuale è utile presentare una demo originale. La base per fare un’ottima impressione. Fondamentale è distinguersi dalla massa: dobbiamo pensare di non essere gli unici a volere quel posto, quindi è opportuno far emergere lo stile e i tratti distintivi del nostro modo di lavorare e approcciarsi davanti e dietro al microfono. Non serve un CV lunghissimo: anzi, è consigliata una breve presentazione scritta con le nostre esperienze pregresse, che dovrà accompagnare anche il colloquio conoscitivo, in allegato alla registrazione con un esempio di talk.

Nella fattispecie: un intro, un outro, talk parlato, teaser annuncio e disannuncio di un brano. Tutto omogeneo e montato al meglio per far capire all’interlocutore che possiamo destreggiarci con il timing nel modo più consono a seconda del tipo di programma, oppure se siamo al cospetto di una radio di flusso. Oltre alla parte più tecnica, particolare rilevanza assume l’atteggiamento e l’estetica della voce. Quello che esprimerà la clip dovrà essere restituito anche in sede di colloquio. Un modus operandi che deve essere sintetizzato in pochi minuti per far capire agli addetti ai lavori che siamo pronti per il salto di qualità: sicurezza, praticità, empatia e coinvolgimento. Molto, nella carriera di uno speaker, lo fa l’approccio: tanto con gli ascoltatori, quanto con i datori di lavoro.

Consulenza Radiofonica, la professionalità On Air!

Articolo a cura di Andrea Desideri

 

Scritto da: Andrea Desideri

Rate it

Articolo precedente

Donne in radio

Consigli

Che potere hanno le donne in radio? Ecco alcuni esempi illustri

Quante donne ci sono in radio? Poche, anzi pochissime. Ed è un problema da affrontare seriamente. Nella nuova puntata di "Colazione con il CEO", Alfredo Porcaro, fondatore di Consulenza Radiofonica, sottolinea l'esigenza di pensare a come, ancora oggi, l'azienda radiofonica limiti l'impatto delle lavoratrici sull'intero sistema, nonostante l'esistenza di casi illustri. Donne in radio: da dove partire? In Italia non esistono molti network che puntano su conduttrici donne, e questo […]

today27 Aprile 2021

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%