Interviste

Radio RSV: “È fondamentale essere in mezzo alla gente”

today4 Febbraio 2020

Sfondo
share close

Quest’oggi conosciamo Radio RSV, emittente web di Valeggio sul Mincio (Verona) gestita dall’Associazione Scialla e nata a cavallo tra il 2013 e il 2014. Attualmente, tale realtà ha un’interesse nevralgico non solo a livello internazionale, ma anche sul campo locale, trovandosi sempre pronta quando si tratta di organizzare eventi live. Per conoscere più approfonditamente questa radio, abbiamo parlato con il direttore artistico Francesco Tonolli.

Che cos’è Radio RSV?

“È un progetto rivolto ai giovani e ai meno giovani, per chi ama la musica e per chi vuole fare radio senza dover metterci dei soldi”.

Qual è la linea editoriale di Radio RSV?

“La nostra è una radio con una musica insolita rispetto alle altre, un 360 gradi: dagli anni Ottanta ai Duemila, persino alle hit pop. E poi, all’interno di Radio RSV, ci sono dei programmi molto di nicchia. Lunedì, ad esempio, da 6 anni, diamo spazio a una comunità rumena che parla in lingua madre e che racconta ciò che succede in Romania e al consolato. Abbiamo inoltre ‘Radio Gonzo‘, con musica tecno ed elettronica, che parla degli eventi che fanno sul Lago di Garda, accompagnato da una classifica delle hit più ballate, la RSV Chart. Poi c’è il mio programma, ‘Lo dico alla radio‘, dove intervisto sindaci e politici, e prendo temi di attualità, come la cronaca”.

Radio RSV intervista consulenza radiofonica eventi live

A proposito, oltre a questa componente internazionale, è molto importante quella locale. Avete particolari feedback quando diffondete notizie della vostra zona?

“Sì, c’è però da fare una premessa. La radio web non è come la radio FM, non ha l’ascoltatore fidelizzato. È fidelizzato al programma, alla persona. Per ascoltare la musica, la gente usa altri mezzi. Quindi, nel momento in cui andiamo a fare un programma specifico, abbiamo molti feedback perché ovviamente passiamo dai social e arrivano molte domande. Se facciamo un programma in lingua madre, ad esempio, abbiamo tantissimi ascoltatori dall’estero. Oltretutto, grazie a una convenzione del 2013 con il nostro Comune, siamo fornitori di servizi multimediali, come la diretta del Consiglio Comunale mensile e tutta la divulgazione delle informative (informazioni istituzionali, manifestazioni, voci alle associazioni, progetti con le scuole). Siamo il punto di riferimento del Comune per quanto riguarda la multimedialità”.

Dalla nascita a oggi: quali sono stati i cambiamenti di Radio RSV?

“Sicuramente, le tanti voci che sono passate. Più di tutto, però il cambiamento è d’immagine e credibilità. Anche se non siamo una radio commerciale, ci autofinanziamo con l’associazione attraverso eventi e feste. In sostanza, è cambiato l’approccio che la gente che ha con noi, soprattutto imprenditori, nell’affidarci eventi nelle discoteche”.

La vostra quindi è una radio che si vede. Quant’è importante questa componente?

“L’importanza di essere tra la gente è fondamentale. Eventi live generano foto, tag ed esposizione del logo e dello staff radio come dj e vocalist. In un periodo dove molte realtà locali chiudono perché in difficoltà, e ci sono competitor nazionali/regionali sempre più presenti sul territorio locale con eventi, è fondamentale esserci. Come si dice: ‘fare la propria ombra'”.

Radio RSV consulenza radiofonica intervista

Oggi è possibile investire nelle web radio quindi.

“Coscienti, però, di quello che si ha e che si sta facendo. Perché sopravalutare una web radio significa rischiare molto. Per fare la radio, i costi sono uguali. Quindi è importante capire cosa si vuole fare e dove si vuole arrivare, coscienti delle proprie possibilità”.

Quali sono gli obiettivi futuri?

“Cercare di andare avanti diffondendo ‘il verbo della radio’. Portare nei giovani l’idea che la radio è un mestiere, che se una persona ha un talento è giusto dargli la possibilità di allenarlo ed esprimerlo gratuitamente. E poi ottenere ancora più credibilità. Un mio progetto che ho tentato di fare l’anno scorso, e non sono riuscito per questioni burocratiche – è ‘Storie di migranti‘: entrare in un centro di accoglienza e raccontare le storie di questi migranti”.

https://www.facebook.com/consulenzaradiofonica/videos/vl.512709979344651/3509040239168596/?type=1

Vuoi rendere competitiva la tua emittente? Scopri il nostro servizio di consulenza per le radio.

Consulenza Radiofonica, la professionalità On Air

Intervista curata da Angelo Andrea Vegliante

Scritto da: Angelo Andrea Vegliante

Rate it

Articolo precedente

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%