Radio lovers

Sanremo 2021: il festival diverso. Le considerazioni di Gerardo De Vivo per noi di Consulenza Radiofonica

today16 Aprile 2021

Sfondo
share close

Il Festival della pandemia, il Festival della paura, il Festival della ripartenza, canzoni e tamponi, pubblico sì pubblico no, la platea vuota, la città vuota.

 

 

Un settimana blindata, controllata, tra percorsi obbligati e attenzione costante. L’edizione 70+1, azzeccata l’idea di chiamarla così, va in archivio come quella dell’emergenza. In un’atmosfera rarefatta, aspettando tutti che potesse succedere non si sa bene cosa, abbiamo superato il Festival più strano della storia. Il vero trionfatore è stato zoom: sulla piattaforma di sono svolte tutte le conferenze degli artisti e le interviste singole, tutto è accaduto a distanza nel nome della sicurezza sanitaria. E anche, perché no, delle legittime paure di ciascuno di noi. Eppure è importante esserci stati, essere stati li. Perché gli eventi vanno raccontati nel momento in cui succedono dal posto dove succedono.

 

Il bilancio del Festival è difficile da stilare.

L’assenza del pubblico in sala e tutta la situazione al contorno, lo hanno reso un puro spettacolo televisivo. Gli ascolti non lo hanno premiato, dati alla mano, ma le attenuanti sono talmente tante che fanno meritare alla rassegna una sufficienza piena. Difficile fare di più.

Difficile anche per due colonne del piccolo schermo come Amadeus e Fiorello. Si sono aiutati a vicenda, forti dell’intesa derivante dalla lunga amicizia, hanno avuto alti e bassi ma son riusciti a condurre in porto la barca del Festival. Non passerà alla storia come uno spettacolo indimenticabile, per avere questo aspettiamo la prossima edizione.

Il bilancio musicale è tutto racchiuso nel verdetto finale.

 

Il trionfo dei Maneskin, al di la dei gusti di ognuno di noi, può segnare anche simbolicamente un cambio radicale della rassegna, finalmente aperta alla scena musicale contemporanea, o essere un episodio a se stante. Per scoprirlo, appuntamento al 2022. Dove potremmo ritrovare ancora Amadeus, che dopo il netto no al terzo Festival di fila, nella conferenza stampa finale ha aperto qualche spiraglio al ter.

La considerazione finale racchiude una speranza: con attenzione, cura e rispetto delle regole, si può tornare a fare spettacoli dal vivo. È difficile, ma si può fare.

Articolo a cura di Gerardo De Vivo per Consulenza Radiofonica

Per il prossimo anno scegli anche tu i nostri servizi: un ” consulente per le radio ” a misura di Festival

Contattaci per saperne di più o scopri ora tutti i nostri servizi

Scritto da: Consulenza Radiofonica

Rate it

Articolo precedente

Festival Sanremo 2021

Radio lovers

Ma alle radio interessa il Festival di Sanremo 2021?

Spesso ci si chiede ancora se per la radiofonia italiana ha senso investire sul Festival di Sanremo, un appuntamento dal grande share televisivo ma dai molti dubbi per le emittenti dell'etere. Secondo noi, la kermesse musicale più importante in Italia ha ancora un fascino commerciale innegabile. Per questo motivo noi di Consulenza Radiofonica abbiamo lanciato un servizio per aiutare i nostri clienti a trovare sponsor per la copertura mediatica dell'evento, […]

today16 Aprile 2021

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%