Radio lovers

RDS Academy: cosa fanno oggi tutti i partecipanti del talent radiofonico

today22 Marzo 2019 1

Sfondo
share close

Hanno pianto e sorriso, sperimentato, infine sognato affinché il desiderio si concretizzasse in una realtà mai assopita.

Sono i concorrenti di RDS Academy, tutti, dalla prima all’ultima edizione finora portata in scena. Siamo andati a cercarli arrivando alla vetta con la fune del tempo e abbiamo confermato un trend positivo caratterizzato dalle scelte dei network: consultano la lista dei partecipanti al talent show radiofonico prima di mettere mano al palinsesto. Così per alcuni di loro le intenzioni radiofoniche hanno coronato persino grandi livelli. Per altri, invece, la carriera con le cuffie non è mai iniziata.

Hai talento ma… 

Un messaggio criptato come a dire sì, ci sei, ma non ci siamo. Perché i matrimoni si fanno sempre in due. Per migliaia dei partecipanti ai casting di RDS Academy, dunque, la volontà di fare della radio un mestiere non si è ancora concretizzata, e con ancora intendiamo che finché c’è vita c’è speranza. Gli aspiranti speaker hanno scaldato la voce coprendo le vocali di pura dizione, scongiurando errori. E tra gli aspiranti c’erano inevitabilmente anche i fortunati – e bravi – concorrenti, i prescelti: quarantacinque in tutto. Vogliamo partire dalla più recente delle soddisfazioni, quella di Davide Damiani, nuova voce di Radio Zeta dal primo weekend di marzo. Davide, col quale Consulenza Radiofonica aveva chiacchierato tempo fa, ha partecipato alla quarta edizione di RDS Academy, quella che – per ora – non ha dato grosse soddisfazioni a parte la sua. Fatta eccezione per il vincitore Filippo Ferraro che, da contratto, è in onda su RDS, e oltre al Damiani citato, soltanto Vittoria Marletta – finalista – è salita sulla scala del prestigio entrando a far parte della squadra di RGS, la radio del Giornale di Sicilia. Seppure non a livelli eccelsi la vita radiofonica va avanti per Erica Gigli (Radio Gold) e Greta Gobbetti (Radio Bella e Monella). Su Giovanni Zappalà invece aleggia una sorta di mistero inoperoso, visto che voci informate lo davano in onda su Radio Kiss Kiss, cosa che non si è affatto concretizzata. Restano dunque Giulia Pagnacco (attrice talentuosa), Gennaro Mirko Auricchio da più di un anno in forza ad Rmc Sport e Ruben Antonio Loera Perez per i quali non si hanno notizie radiofoniche.

Il più giovane tra gli speaker

L’edizione 2016 è quella che verrà ricordata per la vittoria di Valerio Scarponi, colui che ha l’etichetta di essere tra i più giovani conduttori nel panorama nazionale. Da questa edizione, la terza, è venuta fuori anche un’ottima Chiara De Pisa che in via Pier Ruggero Piccio – sede romana di RDS – ha trovato paletta e zucchero essendo stata prima conduttrice di Dimensione Suono Roma e poi, appunto, della stessa RDS. Di questa annata fanno parte anche Federica Minia, oggi collaboratrice de Il Giorno, speaker per spot pubblicitari e voce ufficiale della metro Lilla di Milano. Così come Giovanni Giudice, che non avrà avuto la radio ma è un ottimo doppiatore pubblicitario. Restano Manuel Giancale (Radio Veronica), Olimpia Camilli (Radio Rock), Stefano “Stiv” Tirella e Giulia Fiume rimasti senza cuffie ma occupati in ambito artistico.

L’edizione più fortunata

Arriviamo così all’edizione più fortunata perché ha partorito quattro nuovi conduttori della radiofonia nazionale: Riccardo Russo (R101), Alessandro Corsi (Radio Kiss Kiss), Melania Agrimano (RDS) e Marlen Pizzo (RDS). A loro si aggiunge Francesca Romana d’Andrea, conduttrice per Dimensione Suono Roma. Gli altri partecipanti all’annata che ha visto trionfare l’Agrimano non hanno avuto seguito radiofonico: Diletta di Tanno, ex gieffina, non ha mai indossato la cuffia per più di cinque minuti; stessa sorte occorsa a Stefano Macatangey. L’unica eccezione è rappresentata da Christian Floris che da marzo dello scorso anno va in onda su Radio GRP.

Dove tutto ebbe inizio

Quindi veniamo alla prima edizione di RDS Academy che, nel nostro percorso temporale, anticipa l’ultima. Sull’esordio del talent show si palesavano dubbi, certo, spazzati postumi dalla buona riuscita della trasmissione. E a bagnare il debutto vincente fu Giuditta Arecco che dal 2014 non ha mai smesso di essere in onda su RDS. Anche per questa edizione, come per la precedente, assistiamo a un surplus di talenti: Manola Moslehi è a Radio Italia così come Daniela Cappelletti; Matteo Campese è invece a Radio Freccia, Gianluca Gazzoli a Deejay (passando pure per Rai Radio 2), Diego Zappone a Radio Zeta, Manuel Saraca a Dimensione Suono Roma. Questa è anche l’edizione di Stefano Mastrolitti, secondo al traguardo, approdato a R101 prima del dramma che lo ha coinvolto a maggio 2017. Di Antonella Calabrese, Davide Oki, Ilaria Deni e Fabio Persico non si hanno tracce radiofoniche.

Semina, semina… Semilia

Arriviamo dunque all’ultima edizione, quella che ha per protagonista Davide Semilia, il vincitore, al quale è stato affidato – come per tutte le new entry – il weekend di RDS tra notte e mattino. La quinta essenza dell’Academy non ci ha ondati di grandi entusiasmi. C’è stata curiosità intorno alla figura di Giulio Greco, conduttore radiofonico per finzione: è lui infatti il volto protagonista del film On Air – Storia di un successo, che racconta la carriera di Marco Mazzoli di Radio 105. L’unica che pare abbia mantenuto la voglia di fare radio è Isabella Palmisano, a Radio Crick Crock prima dell’Academy, poi diventata parte di RID 96.8, la radio romana nata da una costola di Radio Incontro Italia. Dunque di Isotta Tomazzoni, Lorenzo Menicucci, Simona Giarratano, Giovanni Pilati, Mirko Darar e Denise Santoro non si vedono briciole radiofoniche.

Consulenza Radiofonica – La Professionalità On Air

Scritto da: Consulenza Radiofonica

Rate it

Articolo precedente

legge italiana-consulenza radiofonica-legge web radio-web radio-emittente radiofonica-emittente online-emittente web

Consigli

Come la legge italiana (non) riconosce le web radio

Dopo aver delineato una panoramica sulla nascita delle web radio, al fine di capirne l'evoluzione, è bene porsi un'altra domanda: come sono riconosciute le web radio dalla legge italiana? È un concetto nevralgico, poiché una denominazione legislativa di qualsiasi tipo determina regolamentazioni atte a non violare una serie di regole. Tuttavia, dipende da come un qualcosa viene definito dalla legge stessa, e ciò vale anche per le emittenti web.

today21 Marzo 2019 6

Commenti post (1)

I commenti sono chiusi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%