Radio lovers

Alta tensione TER: il 26 luglio i nuovi dati d’ascolto radiofonici

today19 Luglio 2019 1

Sfondo
share close

Attesa, sentenza, tensione: sono le parole chiave per descrivere momenti tutt’altro che rilassati in vista della pubblicazione dei dati d’ascolto radiofonici

relativi al primo semestre del 2019, ossia quelli compresi tra aprile, maggio e giugno.

Tensione

Partiamo allora dal più delicato dei momenti. Da diverso tempo si registrano tensioni sul TER (Tavolo Editori Radio) con più di qualche soggetto che avrebbe lamentato numeri distanti dalla realtà. Non è la prima volta che vengono fatti volare fogli di carta cercando di realizzare un giro più largo della natura stessa. L’estate scorsa, infatti, il polverone riuscì ad agglomerare molti dubbi sui metodi adottati per l’indagine d’ascolto. A tal proposito venne nominato un esperto, Giorgio Marbach – luminare in ricerche di mercato – affinché intervenisse facendo chiarezza sulle rivelazioni. In quell’occasione la goccia che uscì dal vaso aveva le sembianze di Radio Monitor, l’industria precedentemente occupata alla raccolta. Il caso fu poi “risolto”, certo, pur mantenendo ancora molti dubbi tra le file.

Sentenza

Dubbi che sembrano non giustificare uno dei metodi di rilevazione più contestati della storia: le interviste telefoniche. “Quale radio ascolti?”; “A che ora?”; “Per quanto tempo?”.
Sono queste – più o meno – le domande che vengono rivolte durante l’indagine di mercato. Così come se a chiamare fosse l’operatore di una solita compagnia telefonica e a rispondere un utente distratto che ha imparato a memoria la formula d’addio “non mi interessa, ho da fare, non mi interessa!”. L’unica diversità dalla consuetudine dei dispersivi tempi moderni sta nel fatto che nessuno vuole venderci qualcosa, piuttosto si vuole provare a scavare all’interno delle sane abitudini. Ma resta probabile che l’intervistato, a patto di non fare la figura dell’ignaro, risponda travestito da Pulcinella rivelando il segreto che tutti sanno. Un segreto vicino a “non ascolto la radio, ma ti faccio fesso” e rispondo lo stesso.

Attesa

Il 26 luglio 2019 resta una rinnovata importante data per le radio, il giorno della pubblicazione dei dati d’ascolto. Conti alla mano si certificherà il successo o l’insuccesso di una emittente. Le rilevazioni campionarie (120mila interviste annue per l’indagine principale e 20mila interviste annue per l’indagine parallela) rappresentative della popolazione italiana a partire dai 14 anni si sono concluse lo scorso 10 giugno. Obiettivo della ricerca è conoscere l’ascolto radiofonico nel giorno medio, nella settimana, nel quarto d’ora e la durata dell’ascolto. I “fortunati” intercettati dal metodo CATI avranno mentito o si saranno liberati del peso della sincerità? Chi può dirlo. Bisognerà attendere il 26 luglio per svuotare di rancore la bottiglia di spumante nel frattempo tenuta al fresco oppure riempire il bicchiere con felicità millesimata.

Consulenza Radiofonica – La Professionalità On Air

Scritto da: Consulenza Radiofonica

Rate it

Articolo precedente

Commenti post (1)

I commenti sono chiusi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%