Radio lovers

Web radio: quando la visibilità non basta.

today13 Marzo 2018

Sfondo
share close

Cos’è il web nel 2018?

Secondo la definizione di wikipedia “(…) è uno dei principali servizi di Internet, che permette di navigare e usufruire di un insieme molto vasto di contenuti amatoriali e professionali collegati tra loro attraverso legami (http://it.wikipedia.org/wiki/World_Wide_Web).

Stando a questa definizione, potenzialmente ogni utente può godere della stessa visibilità di una grande testata giornalistica e una web radio creata dal nulla, in un pomeriggio, nella propria camera, può raggiungere le stesse persone che raggiunge lo streaming della diretta FM di qualsiasi grande network. La realtà però non è questa e sicuramente i motivi sono diversi.

Cerchiamo on Line

Se si ricerca su google “web radio Italia”, i primi tre risultati portano a radio web della omonima radio FM, Radio Italia. Solo al quarto posto troviamo il sito webradioitaliane.it che è, si legge sul sito, “il 1° Aggregatore di sole Web Radio Italiane”. Questo ci da il senso della prima grande difficoltà delle radio web e della differenza con le radio libere degli anni 70. All’epoca per quanto potesse sembrare infinito, lo spettro in cui cercare era dato dalla potenza dell’apparecchio radiofonico di cui si di disponeva. Si girava la manovella o il cursore a seconda del modello e si cercava quello che in qualche modo potesse avvicinarsi ai propri gusti.

Oggi non è così semplice, il web da spazio a tutti e se una web radio non ha un target e un carattere ben preciso che la possa rendere individuabile in rete, probabilmente resterà sconosciuta.

Valutiamo, ad esempio, come un ascoltatore potrebbe individuare una nuova web radio di proprio gradimento.

Una soluzione potrebbe essere, come abbiamo appena visto, collegarsi al portale webradioitaliane, peraltro lodevole sia per i contenuti che per l’iniziativa.
Probabilmente però il metodo più comune potrebbe essere quello di cercare direttamente su Google quello che si desidera, ad esempio “web radio solo musica”. Rispetto alla ricerca precedente, sicuramente troppo generica, in questo caso già al quarto e al quinto risultato troveremo il sito di due web radio. Tuttavia aprendo i due siti, nel primo, che promette di trasmettere musica italiana h24, è in onda “loca” di Shakira, mentre nel secondo c’è uno speaker che sta parlando di malattie rare, cosa che non ci si aspetterebbe da una radio “solo musica”.

Se da un lato queste due web radio hanno avuto la capacità di posizionarsi molto bene su uno dei più grandi motori di ricerca del mondo, dall’altro con difficoltà fidelizzeranno il nuovo ascoltatore perché disattendono sin dal primo ascolto le sue aspettative.

Alla luce di questo piccolo esempio si può concludere che la visibilità è fondamentale per il web. Tuttavia se in rete si vuole fare la differenza, l’unico modo è fornire un prodotto di qualità che catturi l’ascoltatore dal primo istante ed il solo modo per provare ad ottenere questo risultato è puntare sulla professionalità e sulla qualità. 

Tutti possono creare una web radio, ma non tutti sono in grado di farlo. Non è facile e non basta caricare dei file su un server. Sono necessarie una preparazione ed una competenza che non si acquisiscono dal giorno alla notte. La passione e l’impegno sono requisiti necessari ma non sufficienti.

Come avere i primi risultati

Per ottenere dei risultati da una radio web bisognerebbe partire da indagini di mercato che analizzino la domanda e il territorio proprio per cercare quel target che permetterà poi alla radio di essere individuata e possibilmente rintracciata nella  prima pagina di ricerca su google, ma fatto questo non si può fuggire dal proporre al pubblico un prodotto di qualità.

Perché, tornando alla definizione di Wikipedia, sul web ci sono molti contenuti sia amatoriali che professionali, ma è proprio in questa differenza che si nasconde la chiave per il successo.

Post a cura di Antonio Aversano

Consulenza Radiofonica – La Professionalità On Air

 

Scritto da: Consulenza Radiofonica

Rate it

Articolo precedente

Interviste

Podcast Italia un meeting a Bologna il 14 Aprile. Intervista a Gianni Gozzoli

Consulenza Radiofonica è Media Partner dell'evento che si terrà a Bologna il 14 Aprile   “Il podcast è diverso dalla radio […], è un mezzo di comunicazione differente”. A dirlo è Gianni Gozzoli, station manager ed esperto di podcast, appunto. Organizzatore e curatore - insieme ad Alessandra Catania - del Podcasting meetup Italia: evento collettivo, di scena il 14 aprile 2018 a Bologna, che vuole fare incontrare professionisti e stimatori […]

today12 Marzo 2018 1

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%