Consigli

Che cos’è il simulcast e perché è importante per la radio

today16 Aprile 2021

Sfondo
share close

Con il termine simulcast o simulcasting indichiamo una trasmissione simultanea di programmi, dirette ed eventi attraverso più mezzi di comunicazione e/o più servizi allo stesso tempo. Attenzione: mezzi e/o servizi. Già perché l’incredibile evoluzione del web ha determinato una esponenziale liquidità di “dove” e “come” un messaggio può arrivare: oggi non ci sono più solamente la radio e la televisione, ma abbiamo anche i social, gli streaming e le nicchie delle nicchie, dove si riversa un pubblico sempre più diversificato e verticale. E bisogna tenerne in considerazione.

L’importanza del simulcast per la radio

Insomma, come abbiamo visto il simulcast è un modus operandi che permette a un “oggetto” di arrivare ovunque grazie a strumenti o servizi. Il mondo radiofonico non è esente da tutte le trasformazioni che stiamo vivendo da 20 anni a oggi: dobbiamo essere presenti ovunque (ovviamente, tenendo in considerazione la realtà del nostro progetto radiofonico). Comunque, la regola generale è quella, ma purtroppo ciò non accade praticamente mai, e il risultato è avere format radiofonici uguali tra loro seppure in emittenti diverse.

Avere una mentalità da “simulcast” è un valore aggiunto per un’azienda radiofonica, bisogna però capire in che modo vogliamo essere simulcasting. In base ad alcuni recenti dati, circa 4 milioni di ascoltatori sono da smartphone e pc, come come dalla televisione. Da questi numeri capiamo che la radio non è più intesa come “mezzo di comunicazione”, ma come concetto in grado di esporsi in ambiti fisicamente diversi dai consueti, adattandosi in maniera perfetta. Tutto ciò significa che dobbiamo pensare a una radio sempre più “esplosiva”, cioè in grado non solo di rivolgersi a un pubblico che la ascolta mentre si trova in macchina, bensì creando contenuti e palinsesti che possano adattarsi anche ad altre dimensioni.

Leggi anche: Clubhouse è solo l’ennesima conferma che tutti vorrebbero fare la radio

Esempi di simulcast per la tua radio

Ad esempio se sappiamo che la nostra azienda è ascoltata prevalentemente da telefono, bisogna muoversi di conseguenza: una buona idea sarebbe creare un’applicazione per smartphone e tablet, grazie alla quale il nostro pubblico non solo potrà fruire la radio, ma troverà contenuti extra, come articoli del blog, podcast e video divertenti.

Oppure, se sappiamo che una buona fetta del nostro pubblico ci guarda in televisione, cerchiamo di realizzare un ambiente consono per gli spettatori: studio visivamente confortevole e che rispecchi lo stile della radio, serpentone con le informazioni dell’ultima ora, grafica dei post pubblicati dalle persone che commentano la diretta e via discorrendo. Insomma, il simulcast deve aiutarci a pensare alla radio non più come a una scatola sonora, bensì deve essere interpretata come un concetto in grado di arrivare ovunque.

Consulenza Radiofonica, la professionalità On Air

Articolo di Angelo Andrea Vegliante

Sei in cerca di un consulente per le radio?

La nostra realtà si occupa di consulenza per la radio. Scopri i nostri servizi per le radio di ogni tipologia: penseremo a una strategia su misura per te!

Scritto da: Angelo Andrea Vegliante

Rate it

Articolo precedente

Brand radiofonico

Consigli

Il brand radiofonico: la promozione di prodotti in base alla mission

La pubblicità in radio è fondamentale. In che maniera gestirla e come cambia l'approccio alla promozione on-air nell'epoca dei nuovi media.   La radio è un'azienda e, come tale, vive di pubblicità: sponsor e partnership aiutano a veicolare e produrre il palinsesto radiofonico e più concretamente a tenere in piedi tutti quei meccanismi produttivi correlati al mezzo nella sua interezza: anche le emittenti hanno a che fare con gli utili […]

today16 Aprile 2021 1

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%