Radio lovers

Radio: progetti nuovi ma con un’anima già vecchia

today16 Aprile 2021

Sfondo
share close

La definizione di novità:

sostantivo femminile: quanto venga presentato o riferito come cosa nuova per lo più con una sfumatura di originalità o imprevedibilità.
Partiamo da qui. Quando ci imbattiamo in quello che viene definito un nuovo progetto radiofonico teniamo ben a mente questa definizione. Sempre meno in Italia si vedono concretamente progetti definiti innovativi. Si preferisce puntare sul sicuro ( leggi scontato, banale) invece di osare?

In cosa dove distinguersi un’emittente per definirsi realmente nuova?

Le recenti indagini sull’ascolto pubblicate da T.e.r.  hanno messo alla luce un dato che oramai da anni ha una sola tendenza: l’ascolto si fa anche con gli streaming (app, smartspeaker aggregatori) e con la Tv. L’autoradio rimane il mezzo d’ascolto più utilizzato ma perde 2 milioni di utenti. I classici ricevitori fm oramai sono scomparsi dalle case degli italiani. L’ascolto della radio tramite la televisione passa da 4.001.000 a 4.317.000, dallo smartphone arriva a  3.295.000 e da PC o tablet siamo a 1.173.000 di. Quindi è impensabile oggi creare un progetto che non preveda il simulcasting: bisogna essere presenti ovunque e purtroppo questo non accade spesso. Si punta su un solo mezzo di propagazione della propria emittente in modo concreto e pochissimo su tutti gli altri. Fm e Dab+ in primo luogo. Ma tutto il resto? I quasi 4 milioni e mezzo dati dalla tv non contano?

Andiamo sul sicuro?

Alcune programmazioni di determinate emittenti radio sembrano fatte con la fotocopia. Schiave di un sistema prigioniero delle major discografiche? La formula scontata e banale di fare avanti e dietro nel tempo (un disco vecchio ed uno nuovo) è la soluzione? Assolutamente no. Bisognerebbe provare ad inserire del carattere all’interno dei nostri archivi musicali. Ma come? Stop alle solite 40 canzoni del momento: andiamo alla ricerca di perle sonore. Quanti conoscevano Colapesce, La Rappresentante di Lista o Madame prima di Sanremo 2021? Possiamo assicurarvi che erano già presenti in molte playlist di tanti nostri clienti che hanno riconosciuto il valore di questi artisti già prima. La radio oggi, in maniera nettamente generica, prova ad indirizzarsi su un format più Urban Contemporary cercando di andare ad accaparrare ascolto tra le fasce d’età più appetibili per gli investitori: 25-54 anni.

Non solo giovani ma…

E poi i conduttori. E’ vero chi ha poca esperienza al microfono (giovani o meno giovani) trovano sempre meno spazio nelle radio nazionali e non. Ma in questo modo non possiamo sperimentare e formare i nuovi conduttori del domani. Su questo le emittenti medie e piccole DEVONO instradare tutti quelli che hanno voglia di comunicare qualcosa. La radio sicuramente non è per tutti ma molti hanno cose interessanti da dire; proviamo ad ascoltarli, per le leggi della statistica qualcosa di buono troveremo sicuramente. Puntare su un (vecchio) cavallo di razza non sempre è una scommessa vinta.

Lui fa, così quindi funziona.

Se radio xyz fa musica 70-80-90 ed è vincente nel mio territorio, perchè dovrei provare anche io a sperimentare su quel format? In questo caso facciamo un esempio per spiegare come il format COPIA ed INCOLLA non funziona. Se c’è una gelateria che fa il pistacchio più buono della zona con la coda sempre alla porta ed anche io voglio aprire una gelateria non proverò per prima cosa a fare un prodotto dove il mio concorrente è ai vertici ma capirò le mancanze del settore e proverò a “riempirle” casomai con una gelateria specializzata in prodotti bio, gluten free, o per chi ha delle intolleranze. La radio funziona nello stesso identico modo. Si studia il territorio, i vari competitor e si capisce a chi è rivolta: a quale ascoltatore vogliamo arrivare. Piccolo appunto rispondere “voglio arrivare a tutti” non è assolutamente la risposta giusta.
Solo così si può pensare di avere una radio realmente nuova ed innovativa: che sia nata oggi o 45 anni fa poco importa. Se hai riscontrato uno o più di questi problemi nella emittente che hai ,possiamo fare qualcosa per te. Contattaci!

Il nostro servizio dedicato di “Consulente per le Radio ” ti supporterà in tutto

 

Scritto da: Consulenza Radiofonica

Rate it

Articolo precedente

Studio in zona rossa

Consigli

Nelle zone rosse è consentito ai lavoratori della radio recarsi presso gli studi?

  Emergenza da Covid: è consentito ai lavoratori delle radio recarsi presso gli studi di trasmissione? Anche il mondo dell’emittenza radiofonica vive con apprensione questo drammatico momento causato dal Covid-19. Le emittenti radiofoniche, oltre ad intrattenere la popolazione con i propri programmi, svolgono un servizio pubblico di informazione, e contribuiscono a divulgare le corrette misure precauzionali per contenere la diffusione del virus. Le emittenti prestano anche particolare attenzione al proprio […]

today16 Aprile 2021

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%