Radio lovers

Censis: “la radio continua ad essere un media all’avanguardia”

today6 Ottobre 2021 1 5

Sfondo
share close

Censis:  il 17° rapporto sulle comunicazioni

“La pandemia ha prodotto una straordinaria ed eccezionale accelerazione del paradigma biomediatico”.Questo emerge dal 17° rapporto sulla comunicazione di Censis.

Dati fondamentali ed interessanti da elaborare per noi radiofonici. La radio, infatti, continua a rivelarsi  un media totalmente all’avanguardia all’interno dei processi di ibridazione del sistema dei media. Complessivamente, nel 2021 i radioascoltatori sono il 79,6% degli italiani, stabili da un anno all’altro. La radio ascoltata in casa attraverso l’apparecchio tradizionale Fm perde 2,1 punti percentuali di utenza e l’autoradio 3,6 punti (penalizzata dalle limitazioni alla mobilità causate dall’emergenza sanitaria), aumenta l’ascolto delle  trasmissioni radiofoniche via internet con il pc (lo fa il 20,2% degli italiani: +2,9%) e attraverso lo smartphone (lo fa il 23,8%: +2,5%)

17 rapporto sui media

Ma non manca qualcosa?

La tabella ci mostra le evoluzioni sull’ascolto radiofonico negli ultimi 14 anni con una netta “esplosione” di smartphone ed internet. A differenza dei dati ufficiali sull’ascolto certificati da T.e.r. non vengono prese in considerazione le percentuali d’ascolto tramite apparecchio televisivo che negli ultimi 3 anni sono passati dal 6,36% al 7,80% numeri di tutto rispetto anche per questo device.

Analizza i tuoi dati sull’ascolto con noi: richiedici una consulenza radio

Contattaci se vuoi un rapporto dettagliato sul tuo ascolto radiofonico. Capiremo insieme a te come e dove agire

Articolo a cura di Alfredo Porcaro

C.e.o. di Consulenzaradiofonica.com 

Consulente per emittenti radio fm, digital e brand-radio

Docente e formatore radiofonico

 

Scritto da: Consulenza Radiofonica

Rate it

Articolo precedente

conduttore radiofonico moderno

Consigli

Il conduttore radiofonico ‘obsoleto’ dovrebbe lasciare il microfono ad altri

Il conduttore radiofonico moderno dovrebbe essere diverso rispetto a quanto siamo stati abituati ad ascoltare negli ultimi 40 anni. Invece, viaggiando tra le frequenze di diverse emittenti, il 'parco mezzi' disponibile sembra ancora molto vetusto. Facendo un parallelo con la politica italiana, sembra ci sia difficoltà da parte di alcuni di abbandonare la poltrona. Sia chiaro, se un conduttore radiofonico 'datato' mostra di saper affrontare il proprio lavoro con un […]

today5 Ottobre 2021 1 2

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

P. IVA 13503901004

CONTATTACI

P. IVA 13503901004

0%